Noi, anestesisti in trincea, decidiamo il meglio in una manciata di secondi

Avatar
Franco Mariangeli
Direttore dell’Istituto di Anestesia e Rianimazione dell’Università dell’Aquila

Bisogna fare cultura su chi, come noi anestesisti rianimatori, si trova tutti i giorni in trincea di fronte a decisioni da prendere nell’immediato. Siamo noi a dover stabilire se fare o non fare una trasfusione ad un paziente testimone di Geova,

La figura dell’anestesista è di cruciale importanza in ambito sanitario e a rivendicare la centralità, e la delicatezza del ruolo ci ha pensato AAROI-EMAC che ha recentente organizzato un evento di formazione e aggiornamento a Roma: ecco quali sono stati i punti cardine della discussione ripercorsi in questa intervista al prof. Mariangeli, direttore dell’Istituto di Anestesia e Rianimazione dell’Università dell’Aquila

oppure se staccare o meno la spina ad un altro che si trova magari nelle stesse condizioni di Dj Fabo. E mentre i tribunali spesso impiegano anni per giudicare le nostre azioni, noi siamo obbligati a decidere il meglio per i nostri pazienti in una manciata di secondi. A parlare è il professor Franco Mariangeli, direttore dell’Istituto di Anestesia e Rianimazione dell’Università dell’Aquila, intervistato in occasione del Meeting di formazione e aggiornamento (di cui sarà presidente) dal titolo Saqure (SAfety, QUality, REliability), organizzato dal sindacato degli anestesisti e rianimatori italiani dell’AAROI EMAC. L’evento si è svolto a Roma lo scorso maggio e quella che è emersa è una discussione interessante che ha toccato molti temi. Seguiamo quel che ci ha detto il professore.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

La consulenza tecnica nei giudizi di responsabilità sanitaria

L’attività sanitaria è rivolta alla tutela della salute umana (diritto costituzionale, tutelato in particolare dall’art. 32) ed è espletata nei confronti della...

Accesso diretto alle prestazioni sanitarie

La qualità del sistema sanitario è il risultato di un approccio multidimensionale mirato al ciclo continuo di miglioramento di sei diverse aree:...

TSRM e stampa 3D: il progetto RADLAB

Che cosa succederebbe se il servizio di radiologia odierno potesse espandersi per offrire non solo immagini, interpretazioni, intuizioni e raccomandazioni basate sulle immagini, Quel che...

Touch Surgery, la app che allena i chirurghi

Fondata da quattro chirurghi, Touch Surgery è la startup che sta rivoluzionando la chirurgia a livello mondiale. Essa si basa sulle più recenti tecnologie...

MY NEWSROOM

La sala chirurgica diventa multimediale: bisturi e high-tech

Negli anni ha vissuto come protagonista i vari cambiamenti tecnologici e socio-sanitari che hanno caratterizzato il Paese interfacciandosi e distinguendosi nella difficile mediazione tra...

Modularità: la parola chiave nel mondo dell’integrazione KARL STORZ

Il concetto di integrazione all’interno della sala operatoria si è evoluto notevolmente da quando la nostra prima soluzione è apparsa sul mercato all’inizio del...

Le nuove sale operatorie della chirurgia pediatrica dell’Università di Napoli Federico II

Nel maggio 2017 sono state inaugurate le nuove sale operatorie multimediali di ultima generazione KARL STORZ OR1 della Chirurgia Pediatrica dell’Università di Napoli Federico...