Approccio multidisciplinare in uro-oncologia

Avatar
Tiziana Magnani
Project Manager Programma Prostata, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano

Il progetto Team Multidisciplinare in Uro-Oncologia parte a inizio 2015 in risposta al bisogno culturale e clinico di riorganizzare il percorso di assistenza e cura dei pazienti affetti da tumori della sfera urogenitale (pene, prostata, rene, testicolo, vescica) secondo una modalità multidisciplinare e multiprofessionale, in grado di gestire tutte le fasi di malattia, dalla diagnosi al trattamento al follow-up, e di prevedere imprescindibili momenti di valutazione interspecialistica, diversi nei tempi e nei modi a seconda delle patologie e dello stato di malattia. Il progetto è stato fortemente voluto e promosso dalle 7 Società Scientifiche che rappresentano le specialità maggiormente coinvolte nella cura dei pazienti con tumori urogenitali: l’Associazione Italiana di Oncologia Medica – AIOM, l’Associazione Italiana di Radiobiologia – AIRB, l’Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica – AIRO, l’Associazione Urologi Ospedalieri – AUrO, il Collegio Italiano Primari Oncologi Medici Ospedalieri – CIPOMO, la Società Italiana di Urologia – SIU, e la Società Italiana di Urologia Oncologica – SIUrO.

Il progetto che abbiamo il piacere di presentarvi oggi è finalizzato a promuovere un percorso di assistenza e cura basato su un approccio multidisciplinare. Nato nel 2015 e portato avanti da sette società scientifiche, questo processo coinvolge varie professionalità e sta ottenendo ottimi risultati, primo tra tutti quello di collocare il paziente al centro del percorso di cura

Per la prima volta le Società Scientifiche hanno riconosciuto la necessità improcrastinabile di instaurare una proficua collaborazione, superando quindi le divisioni specialistiche, per garantire ai pazienti una presa in carico multidisciplinare e multiprofessionale, che li ponga al centro del fare e decidere medico e che tenga conto non solo degli aspetti fisici della malattia ma anche del dominio psicologico-emozionale della persona con tumore. A dimostrazione della capacità inclusiva del progetto Team Multidisciplinare in Uro-Oncologia, dal 2017 il progetto è supportato anche dall’Associazione Italiana di Medicina Nucleare – AIMN, dalla Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia Diagnostica – SIAPEC, e dalla Società Italiana di Radiologia Medica – SIRM.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

Il defibrillatore impiantabile

Il defibrillatore impiantabile rappresenta senza dubbio una delle grandi scoperte della medicina, poiché attraverso la lotta alla morte improvvisa ha contribuito all’allungamento...

L’informatica in medicina, un bene o un male?

Robotica e intelligenza artificiale sono considerate tra le tecnologie emergenti destinate a trasformare il mondo in generale, e la sanità in particolare,...

TSRM e stampa 3D: il progetto RADLAB

Che cosa succederebbe se il servizio di radiologia odierno potesse espandersi per offrire non solo immagini, interpretazioni, intuizioni e raccomandazioni basate sulle immagini, Quel che...

La radiologia tra innovazione tecnologica ed evidenza clinica

Con oltre 11.000 soci e 106 anni di vita, la Società Italiana di Radiologia Medica è una delle società medico-scientifiche più antiche e numerose...

MY NEWSROOM

Il gestionale sanitario 4.0

Il 1973 vede la nascita di Datamatic S.p.A. come azienda che dedica il proprio impegno nella distribuzione di accessori e prodotti di consumo tecnologici,...

È di BIT4id il PIN UNICO per gli Operatori Sanitari della ULSS9 di Treviso con il prodotto SmartSEC SSO

Un sistema semplice e molto efficace che abilita gli operatori sanitari (personale medico, amministrativo, infermieristico) all’identificazione e autenticazione ai propri PC ed...

HILL-ROM, advanced connected care

Hill-Rom è una realtà internazionale dalla lunga tradizione nel settore della tecnologia medica che con la sua presenza in più di 100...