Approccio multidisciplinare in uro-oncologia

Avatar
Tiziana Magnani
Project Manager Programma Prostata, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano

Il progetto Team Multidisciplinare in Uro-Oncologia parte a inizio 2015 in risposta al bisogno culturale e clinico di riorganizzare il percorso di assistenza e cura dei pazienti affetti da tumori della sfera urogenitale (pene, prostata, rene, testicolo, vescica) secondo una modalità multidisciplinare e multiprofessionale, in grado di gestire tutte le fasi di malattia, dalla diagnosi al trattamento al follow-up, e di prevedere imprescindibili momenti di valutazione interspecialistica, diversi nei tempi e nei modi a seconda delle patologie e dello stato di malattia. Il progetto è stato fortemente voluto e promosso dalle 7 Società Scientifiche che rappresentano le specialità maggiormente coinvolte nella cura dei pazienti con tumori urogenitali: l’Associazione Italiana di Oncologia Medica – AIOM, l’Associazione Italiana di Radiobiologia – AIRB, l’Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica – AIRO, l’Associazione Urologi Ospedalieri – AUrO, il Collegio Italiano Primari Oncologi Medici Ospedalieri – CIPOMO, la Società Italiana di Urologia – SIU, e la Società Italiana di Urologia Oncologica – SIUrO.

Il progetto che abbiamo il piacere di presentarvi oggi è finalizzato a promuovere un percorso di assistenza e cura basato su un approccio multidisciplinare. Nato nel 2015 e portato avanti da sette società scientifiche, questo processo coinvolge varie professionalità e sta ottenendo ottimi risultati, primo tra tutti quello di collocare il paziente al centro del percorso di cura

Per la prima volta le Società Scientifiche hanno riconosciuto la necessità improcrastinabile di instaurare una proficua collaborazione, superando quindi le divisioni specialistiche, per garantire ai pazienti una presa in carico multidisciplinare e multiprofessionale, che li ponga al centro del fare e decidere medico e che tenga conto non solo degli aspetti fisici della malattia ma anche del dominio psicologico-emozionale della persona con tumore. A dimostrazione della capacità inclusiva del progetto Team Multidisciplinare in Uro-Oncologia, dal 2017 il progetto è supportato anche dall’Associazione Italiana di Medicina Nucleare – AIMN, dalla Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia Diagnostica – SIAPEC, e dalla Società Italiana di Radiologia Medica – SIRM.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

La continua esaltazione delle sempre nuove frontiere raggiunte dalla medicina genera la convinzione che le cure mediche abbiano raggiunto un elevato grado di affidabilità. In...

Medici, ingegneri e informatizzazione dei percorsi sanitari

Il professore Franco Marinangeli, Ordinario di Anestesia e Rianimazione dell‘Università degli Studi dell‘Aquila e direttore dell’UOC di Anestesia e Rianimazione della ASL...

Microchirurgia ricostruttiva

Per la prima volta dalla sua fondazione, la World Society for Reconstructive Microsurgery (WSRM) ha tenuto il suo congresso biennale in Italia...

Elementi di sicurezza ed efficienza per la gestione dell’emergenza

Il rischio è insito in tutte le attività e saperlo gestire in modo corretto può diventare un importante fattore di successo per...

MY NEWSROOM

Analisi dei dati e intelligenza artificiale: la Sanità del futuro è già qui

Un medico si avvicina a un collega e chiede un parere sull’esito di una risonanza magnetica. Una delle immagini ottenute dall’esame non lo convince,...

Arjo, una storia a servizio dell’assistenza fra sfide e successi

INTERVISTA A FLORINDO RUSSO – MARKETNG DIRECTOR Nata in Svezia nel 1957, Arjo è...

In Piemonte vengono monitorati tre impianti di autoproduzione ossigeno medicinale

Premessa   L’introduzione dell’ossigeno 93% nella Farmacopea Europea ha reso possibile l’impiego a fini terapeutici di questo farmaco, la cui...