Tra letteratura e linee guida

Giampaolo Montesi , Giovanni Mandoliti

Ho letto questo articolo sulla rivista ‘x’, sarebbe opportuno cominciare a trattare i pazienti con questa metodica…”. Quante volte ci siamo trovati davanti a ragionamenti di questa natura? Quante volte si assimila l’aggiornamento scientifico aneddotico alla buona pratica clinica? Sebbene questi ultimi due elementi siano profondamente embricati, non sempre un ‘raid’ su PubMed costituisce la risposta giusta ai nostri problemi quotidiani come clinici, ma soprattutto come decision maker del percorso diagnostico e terapeutico dei nostri pazienti. La legge 24/2017, al suo articolo 5: “Buone pratiche clinico-assistenziali e raccomandazioni previste dalle linee guida” recita: “Gli esercenti le professioni sanitarie, nell’esecuzione delle prestazioni sanitarie con finalità preventive, diagnostiche, terapeutiche, palliative, riabilitative e di medicina legale, si attengono, salve le specificità del caso concreto, alle raccomandazioni previste dalle linee guida pubblicate ai sensi del comma 3 ed elaborate da enti e istituzioni pubblici e privati nonché dalle società scientifiche e dalle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie iscritte in apposito elenco istituito e regolamentato con decreto del Ministro della Salute, da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, e da aggiornare con cadenza biennale. In mancanza delle suddette raccomandazioni, gli esercenti le professioni sanitarie si attengono alle buone pratiche clinico-assistenziali”.

I nostri autori ci conducono attraverso un ragionamento interessante e inedito che ruota attorno al concetto di “buone pratiche clinico-assistenziali” e delle linee guida chiamate a regolarle. Seguiamo quindi il dott. Mandoliti e il dott. Montesi in quest’analisi di una questione estremamente attuale su cui siamo felici di porre oggi una rinnovata attenzione

Se possiamo ritenerci esperti di ‘buone pratiche clinico-assistenziali’ la sfida che, più o meno consapevolmente, siamo chiamati ad affrontare è relativa alla prima parte ovvero come devono essere fatte, interpretate e applicate le linee guida (LG) pubblicate ‘ai sensi del comma 3’.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

Chirurgia robotica per gli interventi al pancreas

DISPOSIZIONE DEL MALATO ONCOLOGICO PER UNA SECONDA OPINIONE E CON UN PERCORSO DEDICATO PER AFFRONTARE AL MEGLIO LA MALATTIA

AL POLICLINICO GEMELLI ROBOT, TV E 3D IN SALA OPERATORIA

A fare da protagoniste del 27° congresso dell’European Society of gynecological endoscopy (Esge), il più importante appuntamento congressuale della società scientifica europea del trattamento...

OSPEDALE DI BERGAMO: RISONANZA MAGNETICA E TAC IN SALA OPERATORIA

All’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono state recentemente inaugurate due sale operatorie ad alta tecnologia, una dotata di risonanza magnetica a 1,5 tesla...

La malattia mentale si può “vedere”

Negli ultimi 20 anni si è assistito, anche in campo psichiatrico, a un proliferare di studi di ricerca condotti con tecniche di...

MY NEWSROOM

OPT SurgiSystems, un’azienda dal DNA tecnologico

Celebrare 100 anni di storia è indubbiamente un traguardo  invidiabile. Ma per OPT SurgiSystems, che ha sede...

Conox®: l’intelligenza artificiale al servizio del monitoraggio anestesiologico

La gestione ottimale dell’anestesia e della sedazione in area critica, è da sempre una sfida impegnativa: la disomogeneità dei pazienti in termini...

Le nuove sale operatorie della chirurgia pediatrica dell’Università di Napoli Federico II

Nel maggio 2017 sono state inaugurate le nuove sale operatorie multimediali di ultima generazione KARL STORZ OR1 della Chirurgia Pediatrica dell’Università di Napoli Federico...