Vantaggi per la pratica clinica e infermieristica

Andrea Micello , Luca Rubino , Salvatore Casarano

L’Ospedale “Cardinale Giovanni Panico”, oggi Azienda ospedaliera, è una Struttura sanitaria cattolica voluta dal Cardinale Giovanni Panico di Tricase e realizzata dall’Istituto Internazionale delle Suore Marcelline che, a tutt’oggi, ne curano la gestione. Il complesso ospedaliero ha iniziato la sua attività con 150 posti letto che in pochi anni sono diventati 320 fino agli attuali 400. L’A.O. ha dotazione tecnologica di avanzatissimo livello, è dotata, tra l’altro, di una Risonanza Magnetica 3 Tesla. Tecnologia, questa, di ultima generazione che consente di ottenere immagini in sezione del corpo umano a elevatissimo dettaglio in grado di analizzare strutture anatomiche anche della grandezza di un millimetro. La nuova dotazione tecnologica ha alzato notevolmente l’offerta in termini di capacità di diagnosi. L’Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico” ha una qualificazione dell’offerta sanitaria coerente con i più avanzati standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera votata all’eccellenza.

In questo approfondimento i nostri esperti, i professionisti dell’Ospedale “Card. G. Panico”, ci presentano la nuova dotazione tecnologica in tema di imaging. Vediamo quindi quali sono le nuove opportunità cliniche che si aprono e quale l’impatto che hanno sul team multidisciplinare che opera nell’Ospedale pugliese

Il comparto operatorio è oggi dotato di una sala ibrida, una sala operatoria dotata di dispositivi avanzati di imaging, quali intensificatori di brillanza e scanner per la tomografia computerizzata. Tali dispositivi permettono procedure chirurgiche minimamente invasive, ovvero meno traumatiche per i pazienti.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

Articolo precedenteNeuronavigazione
Articolo successivoLa malattia mentale si può “vedere”

IN EVIDENZA

Medici, ingegneri e informatizzazione dei percorsi sanitari

Il professore Franco Marinangeli, Ordinario di Anestesia e Rianimazione dell‘Università degli Studi dell‘Aquila e direttore dell’UOC di Anestesia e Rianimazione della ASL...

Tra ospedale e territorio

Gli obiettivi formativi dell’ordinamento didattico per la Radioterapia  dimostrano la necessità di acquisire le conoscenze e  la pratica clinica adeguata per la prevenzione, la...

Fluidi e fumi chirurgici come fonti di rischio biologico in sala operatoria: aggiornamenti 2018

Il personale sanitario è continuamente esposto al rischio di lesioni personali di natura professionale: pericolosi sono soprattutto gli ambienti chirurgici e la sala operatoria.

ALTA RISOLUZIONE E BASSO DOSAGGIO: ALL’OSPEDALE KOELLIKER DI TORINO È OPERATIVA LA TAC DEL FUTURO

Presso l’Ospedale Koelliker di Torino è operativa una TAC dotata della innovativa tecnologia IMR (Interative Model Reconstruction), che offre grandi vantaggi sia ai clinici...

MY NEWSROOM

La sala operatoria integrata: cosa c’è di nuovo

Intervista al Dott. Athanassiadis, Sales Manager OR1 della KARL STORZ Italia che ha realizzato la prima sala operatoria integrata in Italia ormai 15 anni...

La sala chirurgica diventa multimediale: bisturi e high-tech

Negli anni ha vissuto come protagonista i vari cambiamenti tecnologici e socio-sanitari che hanno caratterizzato il Paese interfacciandosi e distinguendosi nella difficile mediazione tra...

HILL-ROM, advanced connected care

Hill-Rom è una realtà internazionale dalla lunga tradizione nel settore della tecnologia medica che con la sua presenza in più di 100...