SCOPRI LA CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020

HTA dell’occlusione percutanea dell’auricola sinistra nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare ad alto rischio tromboembolico

Avatar
Paola Colombo
Dirigente Medico S.C. Qualità e Rischio ASST GOM Niguarda, Milano

Introduzione

La fibrillazione atriale (FA) a causa non valvolare rappresenta una delle aritmie più frequenti, interessando circa il 2% della popolazione generale, aumentando con l’età e con una prevalenza in crescita nel tempo [1]. La FA rappresenta un vero e proprio problema di sanità pubblica estremamente costoso. Globalmente, è infatti stimato un costo annuo per paziente di circa 3.000 € e, considerata la prevalenza, il carico sociale è enorme e pari a circa 13,5 miliardi di euro annui nella sola Unione Europea [2]. Per anni il trattamento standard per prevenire il rischio di ictus embolico nei pazienti con FA, è stato la terapia anticoagulante con inibitori della vitamina K per via orale (TAO); tuttavia, considerando i limiti di questa terapia (in termini di rischio emorragico, di interazioni farmacologiche e metaboliche, di controlli, di compliance), la percentuale di pazienti non trattati era piuttosto alta [3]. Anche l’introduzione degli inibitori diretti orali della coagulazione (NAO) non ha permesso di superare completamente i problemi di cui sopra. Poiché la maggior parte degli studi autoptici, ecocardiografici e intraoperatori indicano che il 90% dei trombi intracardiaci in corso di FA si formano in auricola sinistra (LAA) [4], l’introduzione dei sistemi di occlusione percutanea della LAA (LAAO) è parsa come un’interessante novità, in particolar modo in quei pazienti ad alto rischio tromboembolico. L’interesse per la LAA, residuo embrionale dell’atrio sinistro a morfologia variabile, risale agli anni ‘40 quando i chirurghi ne proposero la chiusura nei pazienti con patologia valvolare mitralica come profilassi al rischio tromboembolico. Diverse tecniche chirurgiche sono attualmente utilizzate per l’occlusione dell’auricola, tuttavia, considerando i risultati degli studi presenti in letteratura e le attuali linee guida europee e americane, non si riesce a giungere a evidenze conclusive [5, 6].


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

Esperienza e confronto scientifico, nasce GITrE-TC

Riunire Tecnici di Radiologia (TSRM) che lavorano in Italia e all’estero con competenze cliniche e tecniche, ed esperienza in Tomografia Computerizzata (TC)....

Migliorare la qualità ed evitare gli errori

In questo approfondimento il dott. Lucà, presidente Fondazione Area Radiologica, pone l’attenzione ad una delle questioni più rilevanti quando si parla di lavoro di...

Accesso diretto alle prestazioni sanitarie

La qualità del sistema sanitario è il risultato di un approccio multidimensionale mirato al ciclo continuo di miglioramento di sei diverse aree:...

AL POLICLINICO GEMELLI ROBOT, TV E 3D IN SALA OPERATORIA

A fare da protagoniste del 27° congresso dell’European Society of gynecological endoscopy (Esge), il più importante appuntamento congressuale della società scientifica europea del trattamento...

MY NEWSROOM

Le nuove frontiere digitali dell’Imaging Medicale

Il mondo sanitario sta evolvendo verso un nuovo modello organizzativo, mettendo in atto un approccio olistico e incentrato sul paziente, volto a...

L’informatizzazione del percorso chirurgico all’Humanitas San Pio X di Milano

Recentemente acquisito dal gruppo Humanitas, il San Pio X, storica realtà milanese, si rilancia concentrando i suoi sforzi su un consolidamento dell’offerta...

Cartella clinica elettronica CBA: estrema accuratezza nel percorso di cura in un ambiente ad elevata personalizzazione

La massima completezza si sposa con la possibilità per i professionisti di creare propri ambienti di lavoro e venire indirizzati nelle azioni CBA GROUP, azienda...