HTA dell’occlusione percutanea dell’auricola sinistra nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare ad alto rischio tromboembolico

Paola Colombo , Antonio Scarso , Franca Borin , Luca Pizzinato , Mario Dell’Oca , Sofia Lelli

Introduzione

La fibrillazione atriale (FA) a causa non valvolare rappresenta una delle aritmie più frequenti, interessando circa il 2% della popolazione generale, aumentando con l’età e con una prevalenza in crescita nel tempo [1]. La FA rappresenta un vero e proprio problema di sanità pubblica estremamente costoso. Globalmente, è infatti stimato un costo annuo per paziente di circa 3.000 € e, considerata la prevalenza, il carico sociale è enorme e pari a circa 13,5 miliardi di euro annui nella sola Unione Europea [2]. Per anni il trattamento standard per prevenire il rischio di ictus embolico nei pazienti con FA, è stato la terapia anticoagulante con inibitori della vitamina K per via orale (TAO); tuttavia, considerando i limiti di questa terapia (in termini di rischio emorragico, di interazioni farmacologiche e metaboliche, di controlli, di compliance), la percentuale di pazienti non trattati era piuttosto alta [3]. Anche l’introduzione degli inibitori diretti orali della coagulazione (NAO) non ha permesso di superare completamente i problemi di cui sopra. Poiché la maggior parte degli studi autoptici, ecocardiografici e intraoperatori indicano che il 90% dei trombi intracardiaci in corso di FA si formano in auricola sinistra (LAA) [4], l’introduzione dei sistemi di occlusione percutanea della LAA (LAAO) è parsa come un’interessante novità, in particolar modo in quei pazienti ad alto rischio tromboembolico. L’interesse per la LAA, residuo embrionale dell’atrio sinistro a morfologia variabile, risale agli anni ‘40 quando i chirurghi ne proposero la chiusura nei pazienti con patologia valvolare mitralica come profilassi al rischio tromboembolico. Diverse tecniche chirurgiche sono attualmente utilizzate per l’occlusione dell’auricola, tuttavia, considerando i risultati degli studi presenti in letteratura e le attuali linee guida europee e americane, non si riesce a giungere a evidenze conclusive [5, 6].


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

La chirurgia robotica a servizio della mininvasività: un impegno costante

Quando è nata la chirurgia robotica mininvasiva? Simbolicamente si può indicare il 1999 come anno di riferimento perché fu proprio alle soglie del nuovo...

Senhance™: il robot chirurgico dal cuore italiano

Nel 2017, il valore del mercato mondiale della robotica ha raggiunto quota 3.556,9 milioni di copie. La crescita non sembra arrestarsi, tanto che le...

L’approccio laparoscopico nella chirurgia d’urgenza

La laparoscopia, nata nel 1987 per merito del chirurgo Mouret, consiste in un approccio chirurgico mininvasivo che riesce ad apportare notevoli vantaggi...

Iniettori automatici per radiofarmaci

L’“Imaging Molecolare” rappresenta oggi una metodica non invasiva molto sensibile e importante per numerose patologie, soprattutto quelle oncologiche, permettendo sia la diagnosi (mediante il...

MY NEWSROOM

Lo Studio Radiologico Bernasconi sceglie Elios Patient Portal per potenziare ulteriormente il servizio ai pazienti

Da più di 40 anni è un importante punto di riferimento nel cuore della Brianza nel campo della diagnostica per immagini e delle...

I servizi all’avanguardia del Centro di Radiologia e Fisioterapia di Gorle (BG) crescono anche con Elios Patient Portal

L’importante traguardo dei primi 30 anni di attività è stato tagliato lo scorso anno. Il Centro di Radiologia e Fisioterapia (www.centroradiofisio.it) di Gorle, città...

Modularità: la parola chiave nel mondo dell’integrazione KARL STORZ

Il concetto di integrazione all’interno della sala operatoria si è evoluto notevolmente da quando la nostra prima soluzione è apparsa sul mercato all’inizio del...