Elementi di sicurezza ed efficienza per la gestione dell’emergenza

Carla Rebagliati
Carla Rebagliati
Coordinatore Infermieristico Blocco Operatorio Savona Liguria

Il rischio è insito in tutte le attività e saperlo gestire in modo corretto può diventare un importante fattore di successo per qualsiasi organizzazione. Ogni evento inatteso rischia infatti di avere ripercussioni critiche, tali a volte da mettere in gioco la sopravvivenza stessa delle attività svolte. Questo è ancora più vero nella situazione attuale, dove le cure ai cittadini spesso vengono messe a rischio. Le emergenze sono una realtà e si presentano quotidianamente. È necessario apprendere come gestirle, saper convivere con esse e imparare dagli errori commessi all’interno di esse. L’emergenza rappresenta un dato situazionale improvviso al quale l’individuo è tenuto a rispondere prontamente, attivando una serie di competenze tecniche e di efficaci risposte psicologiche. La sopravvivenza dell’assistito spesso si gioca in pochi secondi subito dopo un evento catastrofico ed è determinata da un’immediata risposta psico-comportamentale individuale e da una successiva protezione collettiva.

La nostra esperta ci parla del Crisis Resource Management (CRM), uno strumento mutuato dall’aeronautica che comprende conoscenze tecniche e abilità inerenti al comunicare. Viene usato per gestire eventi critici ed emergenze in team work, prevenendo l’errore umano. La dott.ssa Carla Rebagliati ne traccia quindi gli elementi salienti  

IL FATTORE UMANO Con l’espressione ‘Fattore Umano’ si intende l’insieme delle operazioni e delle modalità con cui l’uomo agisce nel suo ambiente di lavoro, in modo da far aumentare i livelli di sicurezza nelle varie manovre svolte. Negli ultimi anni i fattori umani sono stati valutati e hanno un ruolo determinante all’interno di qualsiasi ambiente di lavoro. I fattori umani hanno come oggetto di studio le persone, mentre svolgono le loro mansioni, le proprie competenze, il loro inserimento nell’ambiente di lavoro inteso in senso fisico e interpersonale, il loro rapportarsi agli strumenti di lavoro e alle procedure cui attenersi. L’obiettivo di tale ricerca è il perseguire sicurezza ed efficienza.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

La consulenza tecnica nei giudizi di responsabilità sanitaria

L’attività sanitaria è rivolta alla tutela della salute umana (diritto costituzionale, tutelato in particolare dall’art. 32) ed è espletata nei confronti della...

Una migliore qualità del servizio (e del lavoro)

L’infermiere è “l’operatore sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante e dell’iscrizione all’albo professionale, è responsabile dell’assistenza generale infermieristica” (DM 739 del 14...

L’approccio laparoscopico nella chirurgia d’urgenza

La laparoscopia, nata nel 1987 per merito del chirurgo Mouret, consiste in un approccio chirurgico mininvasivo che riesce ad apportare notevoli vantaggi...

La malattia mentale si può “vedere”

Negli ultimi 20 anni si è assistito, anche in campo psichiatrico, a un proliferare di studi di ricerca condotti con tecniche di...

MY NEWSROOM

Arjo, una storia a servizio dell’assistenza fra sfide e successi

INTERVISTA A FLORINDO RUSSO – MARKETNG DIRECTOR Nata in Svezia nel 1957, Arjo è...

L’informatizzazione del percorso chirurgico all’Humanitas San Pio X di Milano

Recentemente acquisito dal gruppo Humanitas, il San Pio X, storica realtà milanese, si rilancia concentrando i suoi sforzi su un consolidamento dell’offerta...

Analisi dei dati e intelligenza artificiale: la Sanità del futuro è già qui

Un medico si avvicina a un collega e chiede un parere sull’esito di una risonanza magnetica. Una delle immagini ottenute dall’esame non lo convince,...