L’innovazione in oculistica tra USA ed Europa

Josè Alain Sahel
Josè Alain Sahel
Direttore dell’Institut de la Vision di Parigi e dell’UPMC Eye Center di Pittsburgh

Possono colpire a tutte le età, anche in culla, sebbene il ‘periodo  oscuro’ per la maggiore insorgenza di problematiche  per occhi e vista cominci intorno ai 50 anni e cresca con il  passare degli anni, più esposti a sviluppare patologie dell’invecchiamento.  Tra queste la degenerazione maculare senile  o il glaucoma, patologie gravi che ‘rubano’ la vista, anche agli Italiani.  Secondo il Rapporto ISTAT, “Condizioni di salute e ricorso ai servizi  sanitari in Italia e nell’Unione Europea”, le gravi limitazioni visive colpiscono  mediamente più del 2% della popolazione dell’Unione Europea  dai 15 anni in su, con tassi che salgono al 5,6% verso i 65 anni, toccando  picchi di quasi il 9% tra gli over 75 anni. In Italia un terzo dei senior  soffre di limitazioni visive almeno moderate. Eppure nonostante questi  ‘vistosi’ numeri manca una cultura alla prevenzione e cura della salute  degli occhi: 7 italiani su 10 si ritengono informati sulle problematiche  della vista, tuttavia meno della metà – 3 su 10 – adotta misure efficaci  per limitarne l’insorgenza o per evitare la progressione della malattia  qualora già in atto, con una ricaduta sensibile sulla salute pubblica e  assistenziale che sarebbe contenibile. Secondo l’OMS, Organizzazione  Mondiale della Sanità, la diagnosi precoce e il trattamento delle  anomalie visive fin dalla nascita ridurrebbe del 50% i casi di cecità e si  abbasserebbe del 75% l’incidenza di uno stato di malattia irreversibile  negli adulti.

Ricerca, innovazione  tecnologica e grande  esperienza in ambito  oculistico: l’UPMC Eye  Center di Pittsburgh  e l’Institut de la Vision  di Parigi uniscono  le forze per garantire  opzioni diagnostiche  e terapeutiche  all’avanguardia  e salvare la vista, anche  in caso di patologie  finora considerate  incurabili. Seguiamo  il prof. Sahel che  collabora con  la Fondazione Ri.MED 

Tanto più che la ricerca scientifica oggi ha messo a punto,  a seconda della gravità della problematica approcci e soluzioni innovativi:  dalla terapia genica, a protesi visive e trattamenti con cellule  staminali anche per malattie attualmente incurabili. Negli ultimi anni, ad esempio, si è cercato di sfruttare innovative tecnologie  terapeutiche come l’impianto di cellule staminali pluripotenti  indotte, che possono essere usate per generare i tessuti oculari in un  modo che rispecchia lo sviluppo naturale dell’occhio.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

L’ECG a 18 derivazioni

La malattia ischemica cardiaca è una delle maggiori cause di eventi patologici riscontrabili in tutto il mondo. Si è stimato a livello mondiale che...

Microchirurgia ricostruttiva

Per la prima volta dalla sua fondazione, la World Society for Reconstructive Microsurgery (WSRM) ha tenuto il suo congresso biennale in Italia...

Assistenza sanitaria, il contributo degli infermieri

Che il Paese si trovi ad attraversare una condizione di emergenza mondiale è cronaca ormai da giorni, quando il COVID-19 è apparso...

RIS-PACS, non solo radiologia

Negli ultimi 10 anni i sistemi informativi esplicitamente dedicati alla pubblica amministrazione hanno subito una profonda mutazione, riuscendo a conformarsi e adattarsi...

MY NEWSROOM

Arjo, una storia a servizio dell’assistenza fra sfide e successi

INTERVISTA A FLORINDO RUSSO – MARKETNG DIRECTOR Nata in Svezia nel 1957, Arjo è...

Althea Italia, una gestione delle tecnologie sempre più integrata

Innovazione, sviluppo, ricerca. Questi i tratti distintivi della nostra identità, i valori in cui fermamente crediamo e che ci hanno...

Mindray e Software Team

Comincerei con una introduzione sul progetto e sullo scopo per il quale è stato ripensato il reparto di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia di...