SCOPRI LA CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020

Lean management in sala operatoria

Carla Rebagliati
Carla Rebagliati
Coordinatore Infermieristico Blocco Operatorio Savona Liguria

La sala operatoria può essere definita come un sistema complesso per gli innumerevoli fattori che sono presenti al suo interno. La buona gestione di una sala operatoria è la disciplina che ha come scopo la massimizzazione dell’efficienza dell’impianto ospedaliero, ovvero l’aumento dei casi clinici che possono essere affrontati giornalmente con la contemporanea minimizzazione delle risorse richieste e dei relativi costi. Nel nostro sistema sanitario quindi stanno avendo sempre più rilevanza le decisioni prese in ambito organizzativo e operativo: l’attività operatoria viene razionalizzata utilizzando al massimo le risorse umane e strutturali al fine di aumentare l’efficienza e mantenere bassi i costi.

Una realtà complessa su cui impattano diversi fattori: la sala operatoria è senza dubbio un punto focale del sistema ospedale. Organizzarla al meglio, per ottimizzarne i risultati, è pertanto una questione di grande rilevanza, soprattutto alla luce del progresso tecnologico. In questo articolo la dott.ssa Rebagliati descrive un interessante approccio alla loro gestione  

L’utilizzazione della sala operatoria è condizionata principalmente da quattro fattori: la disponibilità delle sale, gli interventi pianificati, i chirurghi e gli infermieri. Le maggiori difficoltà sorgono proprio qui, ovvero nella necessità di organizzare le fasi pre, intra e post-operatorie, l’imprevedibilità dei tempi operatori stessi, il coordinamento di professionalità diverse, la pianificazione degli interventi a fronte di molteplici esigenze. Inoltre, si deve tenere conto della progressiva crescita della severità clinica dei pazienti, i quali sono sempre più attenti al livello della prestazione sanitaria che gli è offerta a fronte di una maggiore consapevolezza maturata dai mezzi di comunicazione di massa che con sempre maggiore frequenza e intensità affrontano queste tematiche. Per questo motivo nell’ambito di gestione dei processi sanitari si deve sempre tenere presente che l’obiettivo primario è la cura del paziente, a cui deve essere garantito un livello di servizio adeguato, e da qui partire con le successive analisi per migliorare l’efficienza della struttura sanitaria.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

Imaging e gestione del rischio: strumenti necessari e dove agire

La sicurezza costituisce un elemento fondamentale della qualità delle cure. L’attenzione alle attività correlate alla sicurezza fa pienamente parte degli ambiti del...

OSPEDALE DI BERGAMO: RISONANZA MAGNETICA E TAC IN SALA OPERATORIA

All’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono state recentemente inaugurate due sale operatorie ad alta tecnologia, una dotata di risonanza magnetica a 1,5 tesla...

Questione di sicurezza

La sicurezza del paziente e delle cure è sempre stata al centro del movimento per migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria. Negli anni...

L’ECG a 18 derivazioni

La malattia ischemica cardiaca è una delle maggiori cause di eventi patologici riscontrabili in tutto il mondo. Si è stimato a livello mondiale che...

MY NEWSROOM

OPT SurgiSystems, un’azienda dal DNA tecnologico

Celebrare 100 anni di storia è indubbiamente un traguardo  invidiabile. Ma per OPT SurgiSystems, che ha sede...

Integrazione tra chirurgo e tecnologia al servizio del paziente

A dicembre 2017 è stato inaugurato il nuovo blocco operatorio dell’Ospedale Filippo del Ponte di Varese, il Polo materno-fetale della ASST Sette Laghi di...

Mindray e Software Team

Comincerei con una introduzione sul progetto e sullo scopo per il quale è stato ripensato il reparto di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia di...