Lean management in sala operatoria

Carla Rebagliati
Carla Rebagliati
Coordinatore Infermieristico Blocco Operatorio Savona Liguria

La sala operatoria può essere definita come un sistema complesso per gli innumerevoli fattori che sono presenti al suo interno. La buona gestione di una sala operatoria è la disciplina che ha come scopo la massimizzazione dell’efficienza dell’impianto ospedaliero, ovvero l’aumento dei casi clinici che possono essere affrontati giornalmente con la contemporanea minimizzazione delle risorse richieste e dei relativi costi. Nel nostro sistema sanitario quindi stanno avendo sempre più rilevanza le decisioni prese in ambito organizzativo e operativo: l’attività operatoria viene razionalizzata utilizzando al massimo le risorse umane e strutturali al fine di aumentare l’efficienza e mantenere bassi i costi.

Una realtà complessa su cui impattano diversi fattori: la sala operatoria è senza dubbio un punto focale del sistema ospedale. Organizzarla al meglio, per ottimizzarne i risultati, è pertanto una questione di grande rilevanza, soprattutto alla luce del progresso tecnologico. In questo articolo la dott.ssa Rebagliati descrive un interessante approccio alla loro gestione  

L’utilizzazione della sala operatoria è condizionata principalmente da quattro fattori: la disponibilità delle sale, gli interventi pianificati, i chirurghi e gli infermieri. Le maggiori difficoltà sorgono proprio qui, ovvero nella necessità di organizzare le fasi pre, intra e post-operatorie, l’imprevedibilità dei tempi operatori stessi, il coordinamento di professionalità diverse, la pianificazione degli interventi a fronte di molteplici esigenze. Inoltre, si deve tenere conto della progressiva crescita della severità clinica dei pazienti, i quali sono sempre più attenti al livello della prestazione sanitaria che gli è offerta a fronte di una maggiore consapevolezza maturata dai mezzi di comunicazione di massa che con sempre maggiore frequenza e intensità affrontano queste tematiche. Per questo motivo nell’ambito di gestione dei processi sanitari si deve sempre tenere presente che l’obiettivo primario è la cura del paziente, a cui deve essere garantito un livello di servizio adeguato, e da qui partire con le successive analisi per migliorare l’efficienza della struttura sanitaria.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

La prima giornata nazionale della radiologia senologica

Come è noto, ogni 8 marzo ricorre la Giornata Internazionale della Donna, sia per ricordare le conquiste sociali, economiche e sanitarie, sia...

Dal medico alla radiologia e ritorno

I sensori per i protocolli Digital Imaging and Communications in Medicine (DICOM) e Health Level Seven International (HL7), come quelli pronti all’uso...

Adaptive radiotherapy: la sfida della terapia “su misura”

La “conditio sine qua non” del trattamento radiante è quella di erogare una dose terapeutica in maniera altamente accurata, precisa e conformata...

Al Bambino Gesù tecnologia d’avanguardia per lo studio dell’epilessia

Mantenere in vita il tessuto cerebrale asportato dai pazienti con epilessia, per studiare l’origine della malattia e sperimentare nuovi trattamenti terapeutici. Una...

MY NEWSROOM

L’informatizzazione del percorso chirurgico all’Humanitas San Pio X di Milano

Recentemente acquisito dal gruppo Humanitas, il San Pio X, storica realtà milanese, si rilancia concentrando i suoi sforzi su un consolidamento dell’offerta...

HILL-ROM, advanced connected care

Hill-Rom è una realtà internazionale dalla lunga tradizione nel settore della tecnologia medica che con la sua presenza in più di 100...

Le nuove sale operatorie della chirurgia pediatrica dell’Università di Napoli Federico II

Nel maggio 2017 sono state inaugurate le nuove sale operatorie multimediali di ultima generazione KARL STORZ OR1 della Chirurgia Pediatrica dell’Università di Napoli Federico...