BRESCIA: NUOVA SALA OPERATORIA IN POLIAMBULANZA

Tecnologie all’avanguardia per la nuova sala operatoria ibrida di Fondazione Poliambulanza. Funzionale sia per l’interventistica cardiovascolare tradizionale che per quella mininvasiva. La sala operatoria si inserisce così all’interno del nuovo blocco cardiovascolare e rappresenta il fiore all’occhiello del nuovo distretto. Entriamo nel dettaglio: la nuova sala è dotata di un robot angiografico di ultima generazione in grado di acquisire immagini tomografiche tridimensionali che consentono al medico di “navigare” nel cuore e nei vasi sanguigni. Si tratta di una tecnologia all’avanguardia che si avvale di un accurato lavoro di pianificazione che inizia con la TAC del paziente. Il medico importa quindi le immagini acquisite in un software di navigazione che simula il percorso endovascolare in 3 dimensioni. In sala operatoria l’angiografo fonde poi le immagini precedentemente elaborate con quelle live, orientando l’operatore nei vari passaggi e riducendo al massimo il margine di errore. Una vera e propria rivoluzione. Con questo nuovo ambizioso progetto Poliambulanza concentra quindi in un unico distretto complanare tutte le specialità chirurgiche e interventistiche del dipartimento cardiovascolare e crea così un ambiente unitario aperto alla multidisciplinarietà. Del blocco fanno parte, oltre alla sala ibrida, altre cinque sale dedicate alla cardiochirurgia, alla chirurgia vascolare, all’elettrofisiologia e all’emodinamica e un’area di tre sale operatorie per la chirurgia a bassa complessità.