Cuore d’atleta

Redazione
Redazionehttps://www.ehealthnews.it/
La rivista concentra la sua attenzione sulle sempre più pronunciate convergenze fra le figure mediche, ingegneristiche e tecniche, quelle cioè che sono maggiormente toccate dall’evoluzione tecnologica in ambito ospedaliero e che quindi divengono, a oggi, i più attenti utilizzatori delle innovazioni offerte dal mercato. Il tavolo multidisciplinare fra le categorie professionali che operano in ospedale vuole, quindi, porre l’attenzione su tutti gli aspetti legati all’utilizzo della tecnologia, siano essi rivolti a favore del paziente o all’ottimizzazione dei processi professionali.

Fra le belle storie sportive segnalate dai media internazionali, ci piace quella di Katharina Bauer, ventottenne campionessa tedesca di salto con l’asta cui, poco più di un anno fa, è stato impiantato un defibrillatore sottocutaneo (S-ICD). Sin dall’infanzia Katharina registrava 6-7.000 battiti cardiaci al giorno, arrivati fino a 18.000 con l’aumentare dell’età, generando una situazione cardiaca estremamente problematica e rischiosa. Per questo, nell’aprile 2018, a questa atleta è stato impiantato un defibrillatore sottocutaneo S-ICD per il controllo del ritmo cardiaco. Ripercorrendo la propria storia prima dell’intervento, Katharina ricorda come per molto tempo sia riuscita a gestire una situazione cardiaca che oscillava fra 3.000 e 15.000 battiti al giorno.

“Salto con l’asta e ho un defibrillatore sottocutaneo”. Questa è la storia di Katharina Bauer, la prima campionessa di salto con l’asta che punta ai Giochi Olimpici 2020 con un defibrillatore sottocutaneo. Ricostruiamo la sua storia clinica per riflettere su quanto la ricerca tecnologica possa consentire oggi di andare ben oltre i limiti conosciuti

Nella stagione 2018 indoor l’arrivo di uno straordinario risultato sportivo: la vittoria al Campionato tedesco indoor, una performance che le ha anche consentito di trasferirsi in Sud Africa per gli allenamenti, in considerazione del clima migliore. In previsione della trasferta sudafricana, era stato concordato con il team medico di effettuare un ECG ( elettrocardiogramma ) per tre giorni consecutivi ed è proprio da questi controlli che è emerso in modo nettissimo il problema, non solo perché il numero di battiti cardiaci era ancora molto elevato ma, soprattutto, perché veniva rilevato il segnale di un battito cardiaco con una ‘tipologia’ mai riscontrata prima.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

L’imaging biomedico in sala operatoria

L’influenza dell’imaging biomedico sta sviluppandosi costantemente: le malattie vengono diagnosticate più rapidamente ed i trattamenti stanno sempre più entrando in vigore. Sempre più determinante per...

Nuove Frontiere nell’imaging biomedico: la radiomica

Quando si parla di innovazione nell’ambito della diagnostica per immagini non si deve pensare solamente all’evoluzione tecnologica delle apparecchiature ed alla ottimizzazione delle procedure...

La voce come strumento di screening sanitario

La tecnologia si pone sempre più al servizio della medicina: con l’elaborazione di sistemi sofisticati di diagnosi mediante algoritmi, sarà sempre più agevole effettuare...

ALTA RISOLUZIONE E BASSO DOSAGGIO: ALL’OSPEDALE KOELLIKER DI TORINO È OPERATIVA LA TAC DEL FUTURO

Presso l’Ospedale Koelliker di Torino è operativa una TAC dotata della innovativa tecnologia IMR (Interative Model Reconstruction), che offre grandi vantaggi sia ai clinici...

MY NEWSROOM

Lo Studio Radiologico Bernasconi sceglie Elios Patient Portal per potenziare ulteriormente il servizio ai pazienti

Da più di 40 anni è un importante punto di riferimento nel cuore della Brianza nel campo della diagnostica per immagini e delle...

È di BIT4id il PIN UNICO per gli Operatori Sanitari della ULSS9 di Treviso con il prodotto SmartSEC SSO

Un sistema semplice e molto efficace che abilita gli operatori sanitari (personale medico, amministrativo, infermieristico) all’identificazione e autenticazione ai propri PC ed...

La sala operatoria integrata: cosa c’è di nuovo

Intervista al Dott. Athanassiadis, Sales Manager OR1 della KARL STORZ Italia che ha realizzato la prima sala operatoria integrata in Italia ormai 15 anni...