Idroablazione nel trattamento dell’ipertrofia prostatica

Avatar
Angelo Porrea
Responsabile dell’Unità Operativa di Urologia presso il Policlinico di Abano Terme

Cos’è e come viene trattata questa patologia? Ci sia alza frequentemente la notte, si hanno difficoltà di minzione, talvolta si prova dolore, il flusso di urina risulta debole e la vescica non si svuota mai completamente: sono sintomi che chi soffre di ipertrofia prostatica benigna conosce bene. In gergo medico l’ipertrofia o iperplasia prostatica benigna viene identificata con le sigle (BPH o IPB) e sta a indicare l’accrescimento del volume della ghiandola prostatica. Causa scatenante è l’aumento del numero di cellule prostatiche epiteliali e stromali. Fortunatamente è un disturbo benigno e reversibile che può essere efficacemente trattato grazie a un ventaglio di procedure e soluzioni terapeutiche in costante aumento.

Cos’è e come viene trattata l’ipertrofia prostatica? Il dott. Porrea, responsabile dell’Unità Operativa di Urologia del Policlinico di Abano Terme, ci parla in questo approfondimento di un’innovativa tecnologia robotica per intervenire su questa patologia: l’idroablazione, che consente di superare eventuali complicanze del trattamento termico

Ma chi è il paziente-tipo? Si tratta di soggetti over 50. In Italia, risultano essere oltre 6 milioni le persone affette da questa patologia. L’incidenza del problema varia in base all’età tant’è che sono il 50% gli uomini (tra i 51 e 60 anni) ad accusare tale disturbo. La percentuale cresce fino al 70% per 60enni e 70enni, con un evidente picco che tocca il 90% negli ottuagenari.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

OSPEDALE DI BERGAMO: RISONANZA MAGNETICA E TAC IN SALA OPERATORIA

All’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono state recentemente inaugurate due sale operatorie ad alta tecnologia, una dotata di risonanza magnetica a 1,5 tesla...

RIS-PACS, non solo radiologia

Negli ultimi 10 anni i sistemi informativi esplicitamente dedicati alla pubblica amministrazione hanno subito una profonda mutazione, riuscendo a conformarsi e adattarsi...

Medici, ingegneri e informatizzazione dei percorsi sanitari

Il professore Franco Marinangeli, Ordinario di Anestesia e Rianimazione dell‘Università degli Studi dell‘Aquila e direttore dell’UOC di Anestesia e Rianimazione della ASL...

Ingegneri clinici: guardando al futuro delle tecnologie della salute

Uno dei soggetti primari di un Servizio Sanitario Nazionale ad alto contenuto tecnologico e di innovazione è la figura dell’ingegnere clinico, professionista che nelle...

MY NEWSROOM

HILL-ROM, advanced connected care

Hill-Rom è una realtà internazionale dalla lunga tradizione nel settore della tecnologia medica che con la sua presenza in più di 100...

Althea Italia, una gestione delle tecnologie sempre più integrata

Innovazione, sviluppo, ricerca. Questi i tratti distintivi della nostra identità, i valori in cui fermamente crediamo e che ci hanno...

Conox®: l’intelligenza artificiale al servizio del monitoraggio anestesiologico

La gestione ottimale dell’anestesia e della sedazione in area critica, è da sempre una sfida impegnativa: la disomogeneità dei pazienti in termini...