Infezioni Correlate all’Assistenza

Agostino Inglese
Agostino Inglese
Presidente Società Scientifica AIOS

E nel mondo della sanità, si risente parlare in maniera preponderante di Infezioni Correlate all’Assistenza (ICA), ma forse non si è mai smesso. La verità è che tanto si è detto e altrettanto si è messo in atto allo scopo di contrastare le ICA a partire dall’igiene delle mani. Come sappiamo bene, le mani degli operatori sanitari sono il primo veicolo di diffusione delle infezioni. Statisticamente, l’igiene delle mani, se opportunamente eseguita, rappresenta il primo momento della prevenzione. La flora transitoria presente sulla cute è sicuramente l’origine di infezioni crociate. Inoltre, come personale addetto all’assistenza, gli infermieri e il personale di supporto, hanno il preciso compito di svolgere attività di formazione ed educazione sanitaria, sia rivolta al paziente ma ancor più ai numerosi visitatori che frequentano le unità operative e, quindi, i luoghi di degenza, ma anche ambulatori e servizi.

Il processo di sterilizzazione è un’operazione delicata e fondamentale per il contrasto delle ICA (Infezioni Correlate all’Assistenza). In questo approfondimento seguiamo il dott. Inglese, presidente AIOS, in un’analisi della questione. La ricerca (e la tecnologia) in questo campo sono, apprenderemo, in continuo fermento. Entriamo nel merito

Un’informazione corretta, fatta a tappeto, favorirebbe certamente un significativo ridimensionamento della diffusione delle ICA. Tant’è che da qualche anno, proprio l’OMS il 5 maggio ha istituito una giornata dedicata all’igiene delle mani. In realtà, la ricerca è in continuo fermento per individuare i migliori sistemi di disinfezione e sanificazione degli ambienti sanitari a partire da ambulatori, unità di degenza e ancor più aree critiche, perché anche l’ambiente gioca un ruolo fondamentale su piano del propagarsi delle infezioni.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

Le potenzialità della risonanza magnetica da 3 Tesla

Oggigiorno, sono poche le strutture cliniche italiane che possono contare su risonanze con un campo magnetico da 3 Tesla. Fino a pochi anni fa,...

Rischio Clinico e sicurezza

“Errare humanum est” asseriva Sant’Agostino d’Ippona, ma procedendo negli anni sembrerebbe che questo assunto stia perdendo il suo significato dogmatico. Ancor più restrittivo è il...

Il progetto Holo-SIRM

Il 23 marzo 2018 è stata istituita la Fondazione SIRM, con l’intenzione di dar vita a una realtà filantropica attenta ai temi...

Gestione PDTA per mezzo e all’interno di un Health Information System

Nella mia carriera di clinico mi sono trovato a guardare al tema dei Protocolli diagnostico-terapeutici-assistenziali (PDTA) sotto almeno tre diverse prospettive. Innanzitutto nel mio...

MY NEWSROOM

OPT SurgiSystems, un’azienda dal DNA tecnologico

Celebrare 100 anni di storia è indubbiamente un traguardo  invidiabile. Ma per OPT SurgiSystems, che ha sede...

Acquisizione ed archiviazione di flussi Audio/Video, FULL HD e 3D, di sala operatoria, su Virtual Data Center privato

Le più avanzate attività chirurgiche sono caratterizzate da un crescente utilizzo di tecnologie. Ne è un esempio il blocco operatorio del padiglione San Luca,...

C-MAC® PM

Il videolaringoscopio C-MAC® PM vince il Premio tedesco all’innovazione 2017. Con il videolaringoscopio C-MAC® Pocket Monitor, introdotto in commercio a ottobre 2016, KARL STORZ ha...