Big Data e intelligenza artificiale in fisica medica

Michele Stasi
Michele Stasi
Presidente AIFM

Big data, AI e salute. Qual è la correlazione esistente? Le persone generano quotidianamente una grande quantità di dati, meglio noti come Big Data che, opportunamente monitorati e registrati, possono essere utilizzati per studiare la salute degli individui. Mettendo in relazione questa enorme mole di dati eterogenei, strutturati e non strutturati, è possibile studiare i legami tra fenomeni diversi e prevedere l’accadimento di quelli futuri. Grazie alle capacità computazionali e alle metodologie provenienti dall’informatica e dalle tecniche di apprendimento approfondito (Data Mining), che utilizzando algoritmi avanzati sono in grado di individuare le associazioni ‘nascoste’ tra le informazioni e renderle visibili, è ora possibile identificare pattern o relazioni causali tra fenomeni in precedenza ignoti e ottenere nuove conoscenze in modo pressoché automatico.

Le implicazioni e le questioni sollevate dall’uso sempre maggiore di sistemi di Big Data, AI e radiomica richiedono conoscenze e competenze specifiche. Per rispondere alle necessità di aggiornamento in materia, AIFM organizza un corso dedicato. Seguiamo il ragionamento espresso in questa interessante intervista concessaci dal presidente, Michele Stasi

Esse sfruttano le tecniche di apprendimento automatico (Machine e Deep Learning), mutuate dal campo dell’intelligenza artificiale (AI), permettono infatti di riconoscere pattern o relazioni causali tra fenomeni o tra dati sanitari degli individui, fornendo così nuove conoscenze utili per produrre dei modelli di previsione e di supportare-sostituire l’uomo nello sviluppo delle logiche di analisi. Tali tecniche sfruttano la capacità dei computer di gestire enormi quantità di dati e di adottare ragionamenti tipici della mente umana, mostrandosi capaci ad esempio di estrapolare da conoscenze precedenti le linee guida da adottare per risolvere nuovi problemi. Sono innumerevoli le applicazioni e i sistemi basati sui Big Data e sull’intelligenza artificiale che


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

La chirurgia robotica a servizio della mininvasività: un impegno costante

Quando è nata la chirurgia robotica mininvasiva? Simbolicamente si può indicare il 1999 come anno di riferimento perché fu proprio alle soglie del nuovo...

Tutte le risposte a portata di click

UpToDate è una risorsa di supporto decisionale in campo clinico basata su prove di efficacia, i cui contenuti sono curati da un team di...

Emergenza COVID-19

I coronavirus (CoV) rappresentano un’ampia famiglia di virus, il cui nome è dovuto alle punte, simili a quelle di una corona, presenti...

L’infermiere di area chirurgica in sala operatoria

Il nostro sistema sanitario nel corso degli anni è divenuto sempre più complesso, e in esso confluiscono molteplici fattori tra loro connessi, classificati in:...

MY NEWSROOM

Engage Suite: a prova di PDTA

Il mondo sanitario sta evolvendo verso nuovi modelli  organizzativi  interdisciplinari  e intra ed extra  ospedalieri,  sfidando l’ICT  come efficace  strumento  di supporto  ai processi...

In Piemonte vengono monitorati tre impianti di autoproduzione ossigeno medicinale

Premessa   L’introduzione dell’ossigeno 93% nella Farmacopea Europea ha reso possibile l’impiego a fini terapeutici di questo farmaco, la cui...

Piattaforma video per endoscopia: quali novità dal mondo KARL STORZ?

Cosa si intende con il concetto di piattaforma video? Quali sono i vantaggi...