Innovazione e multidisciplinarità

Avatar
Fabrizio Fattorini
Anestesista Rianimatore Ricercatore Universitario Dipartimento di Scienze Cliniche, Anestesiologiche e Geriatriche “Sapienza” - Università di Roma

La complessità intrinseca che caratterizza tutte le procedure chirurgiche, anche quelle più semplici, crea un impatto sul livello di sicurezza in sala operatoria. Dal rischio chirurgico, infettivologico e anestesiologico ai rischi più generali legati a impianti elettrici, sistemi wireless ed elettronici, sono numerosi i fattori di rischio da tenere sotto controllo per la sicurezza del paziente e dell’équipe sanitaria. L’elevato numero di persone e di professionalità coinvolte, le condizioni acute del paziente, la quantità di informazioni richieste, l’urgenza con cui talvolta i processi devono essere eseguiti,

Per migliorare la sicurezza in ogni fase del percorso ospedaliero occorre puntare su soluzioni innovative e su un approccio a forte vocazione multidisciplinare. Questo il punto di vista del dott. Fabrizio Fattorini, anestesista e ricercatore universitario dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma. Seguiamolo nel suo ragionamento

l’alto livello tecnologico, la molteplicità di punti critici del processo sono alcuni dei fattori che creano rischi e sono potenziali fonti di danno per pazienti e infortunio per gli operatori sanitari. Particolare rilevanza assumono, poi, i processi di comunicazione dell’équipe operatoria, nella quale il chirurgo, l’anestesista e l’infermiere non lavorano isolatamente l’uno dall’altro e occorre assicurare collaborazione tra le diverse professionalità, condizione di enorme importanza per prevenire incidenti peri-operatori e per la buona riuscita dell’intervento. “La sicurezza nell’ambiente ospedaliero è uno dei cardini su cui impostiamo il nostro lavoro di innovazione”, commenta Paolo Suzzani, AD di B. Braun Milano Spa, che da oltre 180 anni opera per portare soluzioni e prodotti innovativi in sanità a livello mondiale.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

I dolori post chirurgici sternali possono essere eliminati

Per interventi di chirurgia toracica o cardiaca, i pazienti vengono  sottoposti alla cosiddetta sternotomia, una pratica consistente  nell’incisione dello sterno che, tagliato (parzialmente o ...

Gli errori d’identificazione del paziente nell’era dei sistemi digitali HIS/RIS/PACS

L’incidenza degli errori legati all’identificazione del paziente è difficile da stimare; in molti casi, pur rappresentando un problema significativo, non produce danni...

Totem e portali web, soluzioni al servizio del cittadino

Esattamente come per qualsiasi altro ambito di quella che è ormai unanimemente conosciuta come la “Società dell’Informazione”, anche nei contesti sanitari il...

TC Revolution

Il nuovo reparto di Radiologia dell’Ospedale San Carlo di Nancy di Roma si è dotato di una TAC di ultima generazione, la...

MY NEWSROOM

La sala operatoria integrata: cosa c’è di nuovo

Intervista al Dott. Athanassiadis, Sales Manager OR1 della KARL STORZ Italia che ha realizzato la prima sala operatoria integrata in Italia ormai 15 anni...

Il ruolo della simulazione nella clinical education anestesiologica

Una delle metodiche anestesiologiche che più hanno beneficiato dell’innovazione tecnologica negli ultimi anni, è la Target Controlled...

Conox®: l’intelligenza artificiale al servizio del monitoraggio anestesiologico

La gestione ottimale dell’anestesia e della sedazione in area critica, è da sempre una sfida impegnativa: la disomogeneità dei pazienti in termini...