I dispositivi di protezione individuali al tempo del coronavirus

Vincenzo Inglese
Vincenzo Inglese
Infermiere Blocco Operatorio Molfetta

In questo periodo della nostra vita, stiamo assistendo a uno scenario sanitario che sta stravolgendo tutti. La comparsa nelle nostre vite di un virus che ha ancora molto di sconosciuto, ci sta ponendo di fronte a una serie di interrogativi cui non sempre corrispondono risposte certe. In particolare, il personale sanitario viene messo a dura prova da situazioni emergenziali quotidiane; la paura del contagio però non deve permettere a nessuno di noi in prima linea di sopprimere il forte desiderio di mettere in campo competenze, professionalità e dedizione.

Uno degli argomenti più discussi in questo momento è chiaramente quello legato alla sicurezza degli operatori che lavorano a stretto contatto con i pazienti COVID. In questo approfondimento, curato dal dott. Vincenzo Inglese, infermiere a Molfetta, entriamo nel merito di cosa si debba fare per lavorare al meglio proteggendosi adeguatamente

La consapevolezza è che la trasmissione avviene principalmente da persona a persona, a stretto contatto (< di 2 metri) e, per un tempo continuato prolungato (WHO 2020) (CDC 2020) per via aerea, attraverso le goccioline di acqua che trasmettono l’agente patogeno (droplet/ goccioline di flugge) generate parlando, tossendo o starnutendo (Chen, et al. 2020) (Zhao et al. 2020) (Zucco et al. 2020). Altro dato è che la maggior parte dei contagi siano avvenuti in contesti ospedalieri (Zhao et al. 2020) e che, le categorie più esposte, sono le persone a stretto contatto con i soggetti infetti (ISS 2020) quindi, gli operatori sanitari, che diventano a loro volta super diffusori. In presenza di pazienti COVID-19 positivi, resta quindi prioritaria la protezione viso-corpo-mani durante le manovre assistenziali con opportuni DPI (Dispositivo di Protezione Individuale).


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

IN EVIDENZA

Servizio di Sterilizzazione: implementare un processo di convalida del personale

Nonostante la convalida dei processi di sterilizzazione si sia consolidata nel tempo sia per quanto concerne le apparecchiature che gli ambienti di lavoro a...

L’approccio laparoscopico nella chirurgia d’urgenza

La laparoscopia, nata nel 1987 per merito del chirurgo Mouret, consiste in un approccio chirurgico mininvasivo che riesce ad apportare notevoli vantaggi...

La malattia mentale si può “vedere”

Negli ultimi 20 anni si è assistito, anche in campo psichiatrico, a un proliferare di studi di ricerca condotti con tecniche di...

Lo sviluppo della tecnologia digitale

Negli ultimi anni le caratteristiche dei laboratori di emodinamica, vere e proprie sale operatorie per il trattamento endovascolare della cardiopatia ischemica (nelle...

MY NEWSROOM

La sala operatoria integrata: cosa c’è di nuovo

Intervista al Dott. Athanassiadis, Sales Manager OR1 della KARL STORZ Italia che ha realizzato la prima sala operatoria integrata in Italia ormai 15 anni...

L’informatizzazione del percorso chirurgico all’Humanitas San Pio X di Milano

Recentemente acquisito dal gruppo Humanitas, il San Pio X, storica realtà milanese, si rilancia concentrando i suoi sforzi su un consolidamento dell’offerta...

Supporto all’attività operatoria del sistema di interconnessione audio-video e registrazione in Full HD presso l’IRCCS ISMETT di Palermo

ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) è dal 2015 un Istituto di ricovero e cura a carattere...