XX Convegno Nazionale AIIC

AIIC
AIIChttp://www.aiic.it/
L’Associazione Italiana Ingegneri Clinici, fondata a Milano nel 1993, ha lo scopo istituzionale di tutelare la figura dell’Ingegnere Clinico contribuendo a diffondere i Servizi di Ingegneria Clinica all’interno delle aziende sanitarie come elemento di governo delle Tecnologie Biomediche.

È giunto alla ventesima edizione l’appuntamento annuale degli ingegneri clinici. Il XX CONVEGNO Nazionale, per quest’anno in formato digitale, si concentrerà su TECNOLOGIE, COMPETENZE E ORGANIZZAZIONE PER RISPONDERE ALLE EMERGENZE. Vediamone insieme i temi salienti e le novità

Leggi l’intervista al presidente Leogrande

“L’emergenza COVID.19 ha impresso un’accelerazione imprevista a tanti temi che toccano il sistema healthcare (non solo italiano, ovviamente): nuovo ruolo delle tecnologie per la salute e delle competenze professionali correlate, rapporto tra ospedale e territorio, capacità di risposta in situazione di crisi, acquisizioni e collaudi in tempi d’emergenza. Tutti questi argomenti hanno messo a dura prova a partire da febbraio 2020 il SSN e le professioni della sanità e all’Associazione Italiana Ingegneri Clinici è sembrato doveroso prenderli come spunto per una grande riflessione comune”: queste sono le parole con cui Lorenzo Leogrande, presidente dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici ha presentato il XX Convegno Nazionale AIIC. Si tratta di un evento che originariamente era stato programmato a maggio, ma che la prima fase pandemica ha costretto a rimandare. Il Convegno – che viene dopo le importanti edizioni di Bari 2016, Genova 2017, Roma 2018, Catanzaro 2019 – si tiene nella prima metà di novembre con il titolo “EMERGENZA SSN! Ripartiamo insieme da competenze, tecnologie, organizzazione” (10-13 novembre). “La scelta della nostra Associazione – precisa il presidente AIIC – è stata quella di evitare di concentrarsi solo sul passato o su cosa non ha funzionato, ma di guardare al presente e al futuro puntando l’attenzione sui pilastri da cui può ripartire il nostro SSN dopo l’epidemia. E questi pilastri sono proprio le competenze professionali, le tecnologie e una nuova organizzazione, sono questi gli elementi cardine su cui vogliamo richiamare l’attenzione di tutti coloro che in questo periodo stanno riflettendo e si stanno confrontando sul futuro del nostro sistema di assistenza e di cure”.

LA PIATTAFORMA INTERATTIVA – Il Convegno – il ventesimo dalla data di nascita dell’Associazione – si qualifica già come “l’evento per eccellenza nell’ambito delle tencologie heathcare”. Per offrire la massima possibilità di partecipazione, AIIC ha deciso (vista la contingenza così complessa e la forte richiesta da parte di neolaureati) di aprire i lavori gratuitamente a tutti i professionisti del settore: non ci sarà fee di iscrizione, ma solo una registrazione alla piattaforma. Ma parlando di piattaforma arrivano le belle sorprese: il Convegno sarà infatti fruito attraverso un ambiente digitale interattivo fortemente stimolante. Entrando nella piattaforma sarà, infatti, possibile “muoversi” attraverso una molteplicità di spazi: si potrà accedere all’auditorium, interessarsi alle proposte innovative esposte negli stand, accedere alle sale dei corsi e alle sale webinar, oltre che “incontrare” virtualmente i relatori delle sessioni. Evidentemente AIIC ha dato il massimo con l’identificazione di contenuti di eccellenza e con un’ “esperienza convegnistico-virtuale” altamente coinvolgente.

UNO SGUARDO AL PROGRAMMA – Il programma del Convegno prevede alcuni temi “cardine”: “L’ospedale elastico, aspetti organizzativi, tecnici e tecnologici” (martedì 10 novembre); “Finanziamenti e investimenti in sanità per ripartire” (martedì 10 novembre); “Il nuovo Regolamento recante i requisiti per l’iscrizione di ingegneri clinici e biomedici all’elenco nazionale certificato del CNI” (mercoledì 11); “Il collaudo delle tecnologie biomediche nel contesto emergenziale” (mercoledì 11); “La definizione dei fabbisogni e la programmazione delle necessità” (giovedì 12); “Sessione ICT: le priorità della sanità digitale” (giovedì 12); “Innovazione in emergenza: proposte innovative provenienti dal mondo delle aziende, come ci può aiutare la tecnologia” (venerdì 13); “Ultime novità del Regolamento 745/2017 sui dispositivi medici”(venerdì 13); “Importanza della medicina territoriale e della telemedicina” – fondamentale per fornire maggiore sostegno e supporto in maniera capillare nelle situazioni critiche – e sulla necessità della figura dell’ingegnere clinico sul territorio in quanto professionista competente nel settore delle tecnologie sanitarie (venerdì 13). Nel programma è anche prevista l’Assemblea dei Soci (ore 18:00 – 19:30, giovedì 12 novembre), all’interno della quale si terranno le votazioni per il rinnovo del Consiglio direttivo dell’Associazione, che rimarrà in carica per il triennio 2020-2023. 

IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO DISPOSITIVI MEDICI
Il 2020 doveva essere l’anno di entrata in vigore dei nuovi Regolamenti in materia di dispositivi medici (MDR) e dispositivi in vitro (IVDR), ma la pandemia ha portato allo slittamento nel 2021 dell’entrata in vigore dei Regolamenti 2017/745 e 2017/746 del Parlamento Europeo e del Consiglio. Una sessione specifica sulla situazione è prevista all’interno del programma del XX Convegno – Ultime novità del Regolamento 745/2017 sui dispositivi medici (venerdì 13). Sarà Stefano Bergamasco (vicepresidente AIIC) a moderare la sessione all’interno della quale sono previste comunicazioni sui temi più rilevanti: Lo spostamento al 26 maggio 2021 e norme transitorie ex art. 120; L’industria italiana dei Dispositivi Medici è pronta?; Il rolling plan della Commissione Europea; Ruolo e prime esperienze degli Organismi Notificati. Come noto l’emergenza COVID.19 e le complessità applicative dei Regolamenti hanno indotto lo spostamento dell’entrata in vigore all’anno 2021, per garantire agli Stati membri, alle istituzioni sanitarie, agli operatori economici e gli altri soggetti pertinenti, tra cui i professionisti di settore, di garantirne l’attuazione e l’applicazione. Questo differimento porta al centro dell’attenzione la data del 26 maggio 2021, che diviene il nuovo giorno di riferimento per l’applicazione dei due Regolamenti: l’AIIC ha già confermato il suo XXI Convegno per le date 27-29 maggio (Milano) e il tema sarà proprio “Regolamento europeo: nuove sfide per la governance dei Dispositivi Medici”-

I CORSI DI FORMAZIONE
I corsi di formazione proposti nel contesto del Convegno AIIC sono sempre un appuntamento irrinunciabile e partecipato. Anche quest’anno si terranno il giorno prima della cerimonia inaugurale dell’evento (9 novembre) ed il giorno successivo alla chiusura dei lavori (14 novembre). Ecco i temi messi a punto: Il ruolo degli ingegneri clinici nella progettazione degli appalti di service: dimensionamento, descrizione e valutazione delle apparecchiature, dei materiali di consumo e dei servizi connessi; Conservazione sostitutiva e impatto dell’applicazione del GDPR; Project Management: la gestione del rischio; Fondamenti di organizzazione sanitaria; Sale operatorie integrate: stato dell’arte e prospettive future; Procedure di parternariato pubblico privato, indagini pre-market e soprattutto post-market; Fondamenti di Operations Management; Ambienti a contaminazione controllata: aspetti normativi, requisiti impiantistici e monitoraggi periodici per il contenimento delle infezioni correlate all’assistenza sanitaria; La gestione dei GAS medicinali: aspetti tecnico gestionali, soluzioni innovative ed esperienze a confronto; La valutazione dei Dispositivi medici nei comitati Etici; Storia ed evoluzione dell’Ingegneria Clinica dagli anni ’90 ad oggi; Gli ingegneri clinici e la gestione dell’emergenza. Cosa abbiamo imparato dal COVID; Gestione sicura di un sito RM; Sicurezza LASER: il ruolo dell’ASL; DM Dispositivi Medici Impiantabili Attivi: valutazione e gestione. Anche per accedere ai corsi la Piattaforma convegnistica AIIC ha preparato una “sala specifica”, situata al “piano rialzato” del centro congressi virtuale creato per l’occasione.

IN EVIDENZA

Nuove Frontiere nell’imaging biomedico: la radiomica

Quando si parla di innovazione nell’ambito della diagnostica per immagini non si deve pensare solamente all’evoluzione tecnologica delle apparecchiature ed alla ottimizzazione delle procedure...

COVID-19: parole, opere e omissioni

Descrivere o parlare di un fenomeno di attualità (di portata mondiale, per giunta) come quello della pandemia da SARS-CoV-2 non è semplice;...

Il blocco operatorio fra operatività e sicurezza

Uno dei momenti più delicati della vita delle persone è la malattia. È il momento in cui anche le più tenaci difese...

L’ECG a 18 derivazioni

La malattia ischemica cardiaca è una delle maggiori cause di eventi patologici riscontrabili in tutto il mondo. Si è stimato a livello mondiale che...

MY NEWSROOM

Le nuove sale operatorie della chirurgia pediatrica dell’Università di Napoli Federico II

Nel maggio 2017 sono state inaugurate le nuove sale operatorie multimediali di ultima generazione KARL STORZ OR1 della Chirurgia Pediatrica dell’Università di Napoli Federico...

Modularità e collaborazione

Sono questi i concetti cardine della proposta per l’integrazione di sala operatoria che KARL STORZ presenta al 19° Convegno Nazionale AIIC di...

Vigilant Sentinel: la tecnologia al servizio della terapia infusionale durante una pandemia

Il virus Covid-19, un’infezione subdola e letale, ha cambiato le nostre abitudini, ma soprattutto ha causato polmoniti molto serie in molti pazienti,...