Assistenza sanitaria, il contributo degli infermieri

Assistenza sanitaria, il contributo degli infermieri

.

Che il Paese si trovi ad attraversare una condizione di emergenza mondiale è cronaca ormai da giorni, quando il COVID-19 è apparso per la prima volta in Europa, passando per la nostra penisola. Quello che sicuramente non ci aspettavamo, è il tasso di crescita del coronavirus che ha mandato letteralmente in tilt ogni forma di previsione, al punto che il 9 marzo scorso il Presidente del Consiglio ha esteso la “zona rossa” che limitava il movimento delle persone nell’Italia Settentrionale (Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Piemonte, in parte anche le Marche) a tutto il territorio nazionale, introducendo il nuovo concetto di “zona protetta”.

Gli infermieri sono tra i professionisti più assorbiti da questa emergenza. In questo approfondimento i nostri autori, il dott. Pizzolante e il dott. Casarano analizzano il fondamentale contributo che la categoria sta dando alla battaglia contro il feroce COVID-19. Tra procedure, impegno sul campo ed esigenze organizzative, ecco cosa sta succedendo nei reparti

Seguendo il discorso di presentazione del decreto del Premier Conte, “i numeri” dicono che vi è una crescita importante dei contagi, delle persone ricoverate in terapia intensiva e sub-intensiva e ahimè anche di persone decedute. Le nostre abitudini quindi sono cambiate, con misure se occorre ancora più stringenti, più forti”. Affermazioni che tuonano forti anche nella pratica infermieristica di tutti i giorni per i migliaia di professionisti che con coraggio e abnegazione stanno fronteggiando l’emergenza.

Confronta gli annunci

Confrontare
Salvatore Casarano
  • Salvatore Casarano