I trattamenti radianti
per patologia
non oncologica

I trattamenti radianti
per patologia
non oncologica

.

Quasi una suggestione, o addirittura una chimera, sicuramente qualcosa di cui pochissimi sono a conoscenza sia tra i pazienti, ma anche tra gli operatori del settore. La curiosità va sempre corroborata con dati di letteratura ma oggi, in epoca di responsabilità medica rinnovata, Legge Gelli e Linee Guida, i trattamenti radianti per patologia non oncologica rischiano di rimanere delle “Cenerentole” ad esclusivo appannaggio di chi, sporadicamente, li propone. Sebbene le indicazioni nella moderna radioterapia siano moltissime, dalla patologia funzionale e proliferativo-infiammatoria (periartrite scapolo-omerale, epicondilite, rizartrosi, malattia di Dupuytren ecc.), in Italia complessivamente si predilige utilizzarla per il trattamento della fascite plantare in presenza di spina calcaneare, terapia dell’esoftalmo secondario a morbo di Basedow e dello pseudotumor refrattari a terapia medica, prevenzione dei cheloidi e prevenzione dell’ossificazione eterotopica nel politrauma/polifrattura. In un Paese con scarsa cultura applicativa della radioterapia non oncologica in effetti solo i primi due trovano maggior spazio e una base di letteratura più ampia, sebbene molto povera come qualità. Il giuramento di Ippocrate nel suo “primum non nocere” impone di valutare i potenziali rischi derivanti da questi trattamenti primariamente per quella che può essere la cancerogenesi secondaria. Principalmente la dominante fonte di refrattarietà da parte del medico radiooncologo prescrittore è proprio questa ed è la più difficile da superare.

Confronta gli annunci

Confrontare
Giovanni Mandoliti
  • Giovanni Mandoliti