La centrale di sterilizzazione e le figure di supporto

La centrale di sterilizzazione e le figure di supporto

.

Con la conferenza stato regioni del 22 febbraio 2001, poi declinato dalla legge 1/2001, si sancisce la nascita di un nuovo profilo di lavoratore da integrare nei contesti lavorativi per l’area sanitaria e sociale. Si assiste, così, alla nascita dell’OSS, acronimo di Operatore Socio Sanitario, a cui viene attribuito uno specifico profilo. È innegabile che questa nuova figura entra a pieno titolo nei moderni modelli organizzativi assistenziali, ponendosi come figura di supporto in diversi processi di assistenza diretta al paziente, negli ambiti ospedaliero, socio-assistenziale e di medicina territoriale. Quest’ultimo aspetto diviene oggi particolarmente interessante, poiché sempre più si tende ad assistere una certa fetta di paziento cronici presso il proprio domicilio, riservando gli ospedali alle acuzie. Si intuisce che, nel tempo, l’OSS ha “conquistato“ spazi e ambiti di attività importanti con la prospettiva di ampliare le sue competenze e, conseguentemente, la sua valorizzazione. L’integrazione di questa nuova figura nel piano assistenziale, richiede un passaggio culturale che l’infermiere deve sfruttare per liberarsi da attività ripetitive e poco discrezionali.

Confronta gli annunci

Confrontare
Agostino Inglese
  • Agostino Inglese