La sanità elettronica,
bella e complessa.
Necessità di nuovi modelli
di HTA dedicati

La sanità elettronica,
bella e complessa.
Necessità di nuovi modelli
di HTA dedicati

.

Le applicazioni dell’Information and Communications Technology (ICT) in sanità, note con il termine e-health, si stanno diffondendo sempre di più offrendosi come tecnologia in grado di migliorare la qualità e la quantità dei servizi erogati ai cittadini. Esse comprendono i più comuni e storici servizi e sistemi di telemedicina, ma anche i sistemi informativi sanitari, la documentazione elettronica e tutte quelle applicazioni a confine tra i mondi della sanità, della comunicazione e dell’informazione. Secondo la World Health Organization (WHO) l’e-health è “l’uso combinato della comunicazione elettronica e dell’informazione tecnologica nel settore sanitario” [1]. L’e-Health potenziale risorsa per il Sistema Sanitario Il tema della sanità elettronica (e-Health) è stato affrontato fin dal 2012 dal Ministero dello Sviluppo Economico che ha redatto un documento intitolato “ICT nella sanità in Italia: stato e prospettive delle informazioni statistiche” [2], nel quale vengono esplicitate le conseguenze positive dell’introduzione dell’e-health sulla qualità di vita dei pazienti, sulle condizioni lavorative e sulla qualità del lavoro del personale sanitario e sulle attività delle amministrazioni sanitarie e delle aree di governance. Secondo le attese del Ministero, grazie a queste tecnologie gli spostamenti dei pazienti (per effettuare o prenotare visite mediche) vengono notevolmente ridotti, così come risultano ridotte le liste d’attesa e semplificato l’accesso ai dati da parte del paziente [2]. Inoltre l’uso clinico di alcune applicazioni dell’ICT quali il Web 2.0 e più nello specifico i Social Media, può facilmente coinvolgere gruppi di popolazione a rischio o affetti da malattie croniche e promuoverne il miglioramento della qualità delle cure. Le tecnologie dell’informazione e comunicazione possono inoltre semplificare sia le interazioni tra i vari pazienti che quelle tra questi ultimi e i professionisti sanitari ed offrire dei servizi centrati sul paziente stesso, con percorsi di cura personalizzati [3] [4]. L’utilizzo di applicazioni ICT in grado di fornire informazioni fondamentali sul paziente, pareri degli esperti, percorsi e trattamenti clinici appropriati può inoltre contribuire alla riduzione del rischio clinico e in generale al miglioramento della qualità delle cure e dell’efficienza dei servizi. Di non minore importanza, la disponibilità di informazioni favorisce l’ingresso dei Big Data nel mondo sanitario. La disponibilità di informazioni capillari sui cittadini, il loro stato di salute, il loro stile di vita, etc., offre infatti nuove opportunità per gestire e monitorare malattie croniche, per introdurre percorsi di medicina personalizzata e di cura preventiva [5]. I vari dati, raccolti, immagazzinati e processati all’interno di servizi on line, possono infatti essere utilizzati dai medici per…..

Confronta gli annunci

Confrontare
Giandomenico Nollo
  • Giandomenico Nollo