Medici, ingegneri e informatizzazione dei percorsi sanitari

Medici, ingegneri e informatizzazione dei percorsi sanitari

.

Il professore Franco Marinangeli, Ordinario di Anestesia e Rianimazione dell‘Università degli Studi dell‘Aquila e direttore dell’UOC di Anestesia e Rianimazione della ASL 01 Avezzano-Sulmona-L’Aquila, è intervenuto al 73° Congresso S.I.A.A.R.T.I. con un seminario su temi di grande attualità. Una riflessione attenta che prende le mosse da alcuni assunti fondamentali. In primis, osserva il professore, la sostenibilità economica dipende sia dall’efficienza del sistema (riduzione degli sprechi) sia dalla sicurezza dei percorsi (risarcimenti per problemi di malasanità, medicina difensiva). Gli anestesisti rianimatori sono molto sensibili alla problematica medico legale e vi sono in letteratura internazionale molti studi pubblicati sulle tematiche a essa correlata. Alcuni autori sostengono che le valutazioni sugli aspetti medico-legali non sono indicative per focalizzare i punti deboli del percorso assistenziale, stante il fatto che molti pazienti che subiscono un danno non chiedono risarcimento, così come molte denunce sono legate a fatti speculativi, motivo per cui la quasi totalità delle denunce finiscono nel nulla. Sebbene, quindi, tale indicatore non possa essere considerato fotografia fedele della realtà, certamente può essere considerato la “punta dell’iceberg” di una situazione difficile in cui versa un sistema complesso. Ciò che è certo è che il percorso perioperatorio è quello che incide maggiormente sulle spese di un ospedale e il blocco operatorio è l’area maggiormente implicata.

Il percorso perioperatorio e la complessità di un’interazione macchine e uomini che aumenta di pari passo con l’innovazione e incide sulla sicurezza dei percorsi (e le relative questioni medico-legali). Di questo ha discusso al congresso SIAARTI il prof. Marinangeli, che in questa intervista entra per noi nel merito degli aspetti salienti della questione. Seguiamo il suo ragionamento

Qui l’interazione tra macchine e uomini, questi ultimi di diversa estrazione (anestesisti, chirurghi, infermieri), è massima e la complessità sempre maggiore, specie se si considera il numero di informazioni che ciascun professionista deve acquisire dagli altri per poter svolgere al meglio il proprio lavoro (problematiche di interazione e affidamento).

Confronta gli annunci

Confrontare
Franco Marinangeli
  • Franco Marinangeli