Telemedicina e vaccinazioni: armi efficaci di fronte all’emergenza Covid-19?

Telemedicina e vaccinazioni: armi efficaci di fronte all’emergenza Covid-19?

.

L’introduzione nella pratica clinica della vaccinazione sposta la medicina moderna verso un concetto di salute basato su un’azione non più reattiva, ma proattiva e preventiva atta a impedire l’instaurarsi della malattia. La valenza delle vaccinazioni, tuttavia, è duplice perché non solo chi riceve il vaccino trae beneficio da questa pratica, ma l’intera comunità, in termini di costi diretti, indiretti e di diffusione di patologie infettive in scala epidemica. In quest’ottica il concetto di salute pubblica si interseca con l’interesse dell’individuo e viceversa, alimentando un ciclo continuo che offre benefici all’intera società. La recente pandemia di Covid-19 mostra come il concetto di salute dell’individuo non possa essere slegato da quello di salute globale. Né come la ricerca scientifica possa rimanere settoriale e non coordinata. La recente messa a punto di un vaccino anti SARS-CoV-2 rappresenta la confluenza dello sforzo di migliaia di scienziati in tutto il mondo, focalizzati a definire il nemico, il suo punto debole, e infine la possibile arma. Tuttavia, gli input dei singoli scienziati mancano di quella visione di insieme che ha invece consentito di giungere alle grandi scoperte della scienza di base in altri settori: si pensi al modello CERN relativo alla scoperta del Bosone di Higgs degli anni passati.

Confronta gli annunci

Confrontare
Fabio Capello
  • Fabio Capello